La forma della sostanza

Allo Spazio Alfieri (via dell’Ulivo, 6) a ingresso libero, la rassegna di cinema a sorpresa “La forma della sostanza” organizzata da Laba Firenze, in collaborazione con Anémic

Dall’horror alla commedia fantastica, Spazio Alfieri ospiterà film che verranno svelati al momento della proiezione in sala

Il progetto è realizzato nell’ambito del Piano nazionale cinema per la scuola, promosso da Miur e Mibac

Dall’horror al noir, dalla commedia fantastica al thriller, Spazio Alfieri (via dell’Ulivo, 6) ospiterà “La forma della sostanza”, una rassegna di ‘cinema a sorpresa’ organizzata da Laba Firenze, Libera Accademia di Belle Arti di Firenze, in collaborazione con l’associazione Anémic. L’ingresso è libero e gratuito.

Il progetto “La forma della sostanza” è realizzato nell’ambito del Piano nazionale cinema per la scuola, promosso da Miur e Mibac, dove Laba di Firenze è risultata tra gli istituti vincitori del bando nazionale “Buona pratiche, rassegne e festival“, che punta a promuovere iniziative di formazione ed educazione attraverso il linguaggio cinematografico e audiovisivo.

La rassegna è un vero “banco di prova” per gli studenti e le studentesse dei corsi di grafica, fotografia e moda di Laba, ai quali è stato chiesto di realizzare alcuni concept senza conoscere il titolo dei film, partendo soltanto dal soggetto e da poche altre informazioni.
Sulla base di questi elementi, gli studenti hanno sviluppato progetti per i costumi di scena e lo storyboard, che saranno poi confrontati con i film scelti. Il titolo dei quattro film sarà svelato dunque solo al momento della proiezione allo Spazio Alfieri. Un’ apposita commissione (composta da affermati critici del settore, dalla docente Caterina Colombo e dal regista, candidato al David di Donatello, Lorenzo Corvino) valuterà gli elaborati dei ragazzi .


Il programma nel dettaglio:

Lunedì 11 novembre, ore 18.00: Film a sorpresa di genere thriller
Un thriller spionistico che vi sorprenderà per l’insolito incipit

Lunedì 18 novembre, ore 18.00: Film a sorpresa di genere horror
Un horror assolutamente da non perdere o assolutamente da rivedere

Martedì 26 novembre, ore 18.00: Film a sorpresa di genere commedia fantastica
Una romantica commedia, sospesa tra realtà e finzione.

Mercoledì 27 novembre, ore 18.00: Film a sorpresa di genere noir
Fra mistero, sogno e noir, un film intenso, magistralmente interpretato.

I film saranno commentati in sala dal critico cinematografico Gabriele Rizza
Ingresso:  ingresso libero e gratuito

Al massimo ribasso

Martedì 26 febbraio, ore 21.30 Cinema di Castello via Reginaldo Giuliani 374, Firenze

Diego è un uomo di mezza età che lavora all’ombra di una società mafiosa torinese: grazie alle sue potenzialità riesce a garantire sempre la loro vittoria nelle gare d’appalto guadagnandosi, con soldi sporchi, da vivere. Finchè un incontro lo metterà di fronte alla necessità di scegliere da che parte stare.

L’idea del film nasce dall’esigenza di raccontare un aspetto della vita sociale di stretta attualità, quello delle gare d’appalto pubbliche in cui vince chi presenta l’offerta più bassa per svolgere un determinato servizio, a discapito di qualità e sicurezza, e di farlo senza rimanere ingabbiati nei consueti punti di vista.

Sarà presente in sala il regista Riccardo Jacopino

Ingresso: intero 6 €, ridotto 5 €

Ciak sul lavoro 2019

Scarica la locandina con la schede dei film

Per il quattordicesimo anno consecutivo, la Filcams CGIL della Toscana e di Firenze sostengono la rassegna cinematografica “Ciak sul Lavoro”, organizzata dalla Associazione Anémic, nella convinzione che il nostro Sindacato debba utilizzare tutti i linguaggi e le occasioni per parlare di lavoro. Lavoro che, in questi anni di profonda crisi economica, la politica e molte imprese hanno svalorizzato, dequalificato e precarizzato, quando invece il lavoro è centrale nella vita delle persone perché riconoscimento sociale e realizzazione di se.
La CGIL, in questi anni, si è battuta per rimettere al centro del dibattito politico e sociale il lavoro, la sua sostenibilità, la sua dignità, la sua libertà, e lo ha fatto con la Contrattazione, dei Contratti Nazionali e Aziendali, con proposte di legge come la “Carta dei Diritti Universali del Lavoro”, con le Manifestazioni e gli Scioperi per difendere e conquistare diritti, per non lasciare nessuno da solo.
La Filcams è la categoria che rappresenta le lavoratrici e i lavoratori del turismo, del commercio, degli appalti, delle pulizie, dei servizi, lavoro spesso debole e precario, fatto da uomini e donne molte volte protagonisti dei film della Rassegna. Quest’anno i titoli proposti parlano di lavoro raccontando storie di difficoltà e precarietà lavorativa che spesso si traducono in difficoltà sociale e morale. Ma parlano anche di riscatto, di solidarietà e, con l’ultimo film della Rassegna, anche del ruolo del rappresentante sindacale, figura centrale per la difesa e il sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori.
La Filcams CGIL della Toscana e di Firenze sostengono quindi la Rassegna cinematografica “Ciak sul Lavoro” perché il cinema che parla di lavoro lo fa attraverso storie e linguaggi che aiutano meglio a comprendere e ad aumentare la consapevolezza, la solidarietà e la coscienza collettiva, strumenti necessari per difendere e migliorare i diritti e la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori, obiettivo e missione della Filcams e della CGIL.

Cinzia Bernardini
Segretaria generale Filcams CGIL Toscana

Rassegna a cura di Associazione Anémic
Organizzazione e redazione: Gianna Bandini, Marco Pesci, Gabriele Rizza, Alessandra Sarri

Rassegna a cura di Associazione Anémic
Organizzazione e redazione: Gianna Bandini, Marco Pesci, Gabriele Rizza, Alessandra Sarri

Il cielo cade

In occasione della Giornata della Memoria 2017,

al Cinema La Compagnia (via Cavour 50r, Firenze) domenica 29 gennaio, alle ore 10.30

proiezione del film Il cielo cade di Andrea e Antonio Fazzi.

Evento in collaborazione con Associazione Anémic.

Negli anni della seconda guerra mondiale due sorelline orfane vivono un’infanzia felice presso una villa toscana, insieme agli zii ebrei tedeschi, Katchen e Wilhelm, lo zio cugino di Albert Einstein, che le hanno prese in custodia. L’arrivo dell’esercito nazista, nell’estate del 1944, distrugge nel modo più tragico la serenità di questa famiglia.

Presentato e commentato da Guido Caffaz, Comunità israelitica di Firenze, Gabriele Rizza, critico cinematografico, Matteo Mazzoni, direttore Istituto Storico per la Resistenza in Toscana, Fabrizio Trallori, docente di Storia e tradizioni fiorentine per i corsi di Guida turistica.

Ingresso libero.

Alle 14,30 sarà possibile partecipare ad una passeggiata per le vie del Centro dal titolo “Storie e memoria della guerra a Firenze“.

La passeggiata sarà guidata da Fabrizio Trallori.

Per informazioni e prenotazioni: infocinema@anemic.it , cell. 3476698405.
Costo 5 euro

Ora non ricordo il nome di Michele Coppini

Anteprima del docufilm “Ora non ricordo il nome”

Mercoledì 16 novembre, ore 21,30 allo Spazio Alfieri, via dell’Ulivo 6, Firenze
Associazione Anémic presenta in anteprima il film “Ora non ricordo il nome” di Michele Coppini.Saranno presenti in sala il regista Michele Coppini, l’attore Stefano Martinelli e alcuni caratteristi del cinema italiano

‘Ora non ricordo il nome’ è un docufilm sui caratteristi italiani, diretto dal regista fiorentino Michele Coppini e scritto dallo stesso Coppini con la collaborazione di Massimiliano Manna. Un mix tra  film e documentario, nel quale si alternano scene o sketch comici con interventi di veri caratteristi. Lo scopo del progetto è quello di mettere in luce il ruolo fondamentale del caratterista italiano, una figura che ormai sta scomparendo nel nostro cinema e che invece risulta essere fondamentale per la realizzazione di un film. Senza questi attori, non protagonisti nei film, ma comunque protagonisti e veri professionisti nel loro lavoro e anch’essi attori di serie A, non si potrebbe fare cinema.  
Trama

I protagonisti sono Michele Coppini e l’attore e comico toscano Stefano Martinelli (già diretto da Coppini nella web-serie ‘Calcio all’italiana’), che interpretano due ragazzi che lavorano in una videoteca di Firenze. Durante una normalissima giornata lavorativa, Michele viene colto da una specie di raptus cinematografico e decide di dedicarsi ai caratteristi italiani, al costo di mettere da parte la sua vita privata, rischiando di perdere in un colpo solo lavoro, moglie e amici.Così, Michele e il suo fidato amico e collega Stefano si trovano impegnati in una sorta di viaggio dantesco, nella ricerca della figura del caratterista. Durante questo iter, che tocca varie zone d’Italia, Coppini e Martinelli incontrano e intervistano diversi artisti: Paola Tiziana Cruciani, Franco Pistoni, Stefano Ambrogi, Isa Gallinelli, Sandro Ghiani, Camillo Milli, Sergio Forconi, Luciano Casaredi, Pietro Fornaciari e il critico e giornalista Marco Giusti. Nel finale a sorpresa viene ricordato, con un omaggio, l’attore Carlo Monni, grande caratterista fiorentino. 

Le parole del regista Michele Coppini

“In un periodo storico in cui tutti vogliono apparire ed essere protagonisti – ha dichiarato il regista Michele Coppini -, mi è sembrato d’obbligo rendere omaggio a quegli attori che, rimanendo quasi nell’ombra, hanno illuminato di luce propria i più grandi film di sempre. Di chi sto parlando? Dei caratteristi del cinema italiano.Purtroppo è una figura che sta sempre più scomparendo e che proprio per questo meriterebbe di essere protetta, quasi come i panda dal WWF!
Io, ai David di Donatello, inserirei anche la nomination al miglior caratterista”.
Cast completo: Michele Coppini, Stefano Martinelli. Con l’amichevole partecipazione di Paola Tiziana Cruciani, Franco Pistoni, Stefano Ambrogi, Isa Gallinelli, Sandro Ghiani, Camillo Milli, Sergio Forconi, Luciano Casaredi, Pietro Fornaciari, Marco Giusti, Patrizia Ferretti, Carmen Di Cintio, Raffaele Vannoli.

Durata: 70 minuti circa